top of page
  • Jobanswer

Ferie e permessi: cosa c'è da sapere?

Aggiornamento: 13 mar 2023


Scopri tutto quello che c'è da sapere sui diritti alle ferie e ai permessi come dipendente, tra maturazione, accordi con l'azienda e quantità di giorni o ore previsti dal contratto.

Leggi ora!



Le ferie e i permessi sono argomenti di grande interesse per i dipendenti. È importante conoscere i propri diritti e le regole del proprio contratto di lavoro per poter godere di questi benefici in modo corretto. Vediamo quindi cosa c'è da sapere.

Ferie


Le ferie sono un diritto previsto dalla Costituzione (art. 36) e servono a permettere il recupero psico-fisico del lavoratore. Ogni dipendente ha diritto a almeno 2 settimane consecutive di ferie l'anno, preferibilmente nel periodo estivo. La maturazione delle ferie può essere espressa in giorni o in ore, a seconda del contratto di lavoro applicato. In genere, si maturano 4 settimane (160 ore) di ferie all'anno, ma ci sono contratti che prevedono una quantità di giorni/ore maggiori.

Nonostante siano un diritto del lavoratore, non è possibile rinunciarvi e l'assenza per ferie va sempre concordata con l'azienda. Le ferie non possono essere convertite in retribuzione, salvo che in caso di cessazione del rapporto di lavoro e se il contratto prevede che si maturino più di 4 settimane di ferie annuali. In questo caso, sarà possibile monetizzare solo ed esclusivamente la parte eccedente le 4 settimane che non sia stata goduta nei 18 mesi successivi alla maturazione. Le ferie non godute non vengono mai perse e non si possono cancellare.


Permessi


I permessi sono composti da ex-festività e ROL (Riduzione Orario Lavorativo). Le ex-festività sono ore di permesso che sostituiscono alcune festività soppresse negli anni, mentre le ROL sono i "classici" permessi a cui tutti siamo abituati. Tutti i lavoratori hanno diritto a 32 ore (o 4 giorni) di ex-festività + le ore di ROL previste dal contratto di riferimento che normalmente vanno da un minimo di 16 a un massimo di 72 ore annuali. Questo dato può variare anche in base alla dimensione aziendale.

Ci sono contratti, come quelli nel Commercio (Terziario, Distribuzione e Servizi) e nei Studi Professionali, che prevedono la maturazione delle ROL in base all'anzianità lavorativa. Dopo 2 anni dall'assunzione, si inizia a maturare la metà delle ore a cui si ha diritto e dopo 4 anni, il totale delle ore previste per tutti.


Maturazione di Ferie, Ex-Festività e ROL


La maturazione di ferie, ex-festività e ROL dipende dalle ore o giorni previsti dal proprio contratto di lavoro. Ecco un esempio pratico per un lavoratore a tempo pieno (per un lavoratore part-time bisognerà riproporzionare la spettanza e la maturazione alla percentuale part-time):


160 h di ferie annuali (controllare sempre il coefficiente orario del proprio CCNL)


32 h Ex-Festività (4 giorni)


56 h ROL (Riduzione Orario)



Maturazione mensile:


- 13,33 h di ferie


- 2,66 h di EX-Fest


- 6 h di ROL



Per quanto riguarda invece le Ferie e le Ex-Festività espresse in giorni, non ci sarà differenza tra part-time (orizzontale)* e full time perché 1 giorno è sempre 1 giorno, indipendentemente dalle ore lavorabili in quella giornata.


22 giorni di ferie annuali (controllare sempre il proprio CCNL)


4 giorni di Ex-Festività


ROL espresse in ore quindi il calcolo è come sopra



Maturazione mensile:


- 1,83 gg di ferie


- 0,33 gg di EX-Fest

Comments


bottom of page