top of page
  • Jobanswer

Rivalsa INPS del 4% per tutti i lavoratori autonomi. Come funziona? E’ davvero un diritto del lavora

I soggetti titolari di redditi di lavoro autonomo devono, nella generalità dei casi, iscriversi alla gestione separata INPS. Essi hanno titolo di addebitare ai committenti una percentuale nella misura del 4% dei compensi lordi a titolo di rivalsa.



Tale diritto è previsto per tutti i lavoratori autonomi, che siano in regime Forfetario, Ordinario o Ordinario Semplificato.

Questa percentuale è comunemente definita "diritto di rivalsa in fattura" in merito ai contributi INPS che il titolare di partita IVA è tenuto a versare sulla propria posizione Inps in Gestione Separata.

L'INPS stessa in una circolare (n.112 del 25 maggio 1996) ha specificato che il professionista è l'unico obbligato al pagamento dei contributi.

Pertanto il professionista ha il diritto di addebitare ai committenti una somma pari al 4 per cento del fatturato lordo ed il pagamento di quest'ultima somma è obbligatorio e non facoltativo.

L'obbligo di pagare la somma stessa e il diritto da parte del professionista di pretenderla restano nell'ambito dei rapporti fra cliente e professionista, infatti è una decisione del professionista inserire o meno questo diritto di rivalsa.

La rivalsa è quindi facoltativa non obbligatoria, pertanto è sempre opportuno che l’applicazione della rivalsa si evinca dal contratto sottoscritto tra le parti.

Si rammenta che anche se a titolo di rivalsa questa percentuale è parte integrante del compenso, come ha specificato anche l’Agenzia delle Entrate (Risoluzione n 109/E/19960), tale importo dovrà essere assoggettato a tassazione e pertanto sarà assoggettato ad IVA, qualora previsto dal proprio regime.

Inoltre per chi si trova nel regime forfettario, l’importo di tale percentuale concorrà anche alla determinazione del volume di fatturato per la permanenza nel regime stesso. Ricordiamo che attualmente il limite è di € 65.000,00. Se nell’anno si superasse questo limite, l’anno successivo si entrerà direttamente nel regime ordinario.


Esempio di fattura con Rivalsa INPS 4% - Regime Ordinario Semplificato


Esempio di fattura con Rivalsa INPS 4% - Regime Forfettario




Tutte le fatture in regime forfettario, qualora l’importo della prestazione, comprensivo della rivalsa INPS 4% superi l’importo di € 77,47 il professionista dovrà applicare la marca da bollo di € 2.

Yorumlar


bottom of page