top of page
  • Jobanswer

Calcolo stipendio netto mensile, trattenute e conguaglio


Dal lordo al netto: come si calcola lo stipendio?


Facciamo chiarezza sul calcolo delle ritenute fiscali e contributive per calcolare la retribuzione netta.

Innanzitutto va detto che la normativa fiscale italiana, insieme a tutti i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori, rende il calcolo di uno stipendio netto un’operazione molto complicata



Per il calcolo dello stipendio netto mensile dobbiamo prendere la Retribuzione Mensile Lorda (per il calcolo annuale dovremmo prendere la Retribuzione Annua Lorda – RAL) e aggiungere o sottrarre alcune variabili come i contributi previdenziali e assistenziali, le ritenute, le addizionali, le detrazioni, i bonus, ecc…


Cosa mi serve per fare il calcolo?


Hai bisogno di tre cose fondamentali

- la tua busta paga;

- una calcolatrice;

- un foglio di carta per prendere appunti o puoi usare anche un foglio elettronico se preferisci.


Come si fa il calcolo?


Nel tentativo di semplificare, ciò che semplice non è, proviamo a fare un esempio standardizzato per chiarire il meccanismo.


La Formula sarebbe:

RETRIBUZIONE LORDA – CONTRIBUTI PREVIDENZIALI (INPS) – IMPOSTE (IRPEF) = RETRIBUZIONE NETTA

Purtroppo quasi sempre il calcolo non è così semplice visto che nel nostro sistema fiscale, le imposte sono progressive e considerando detrazioni (per lavoro dipendente o familiari a carico), bonus e agevolazioni il calcolo si può complicare, ma cercheremo nei prossimi punti di aiutarti a fare chiarezza.

Vediamo le variabili più comuni e alcuni esempi


CONTRIBUTI PREVIDENZIALI


Per prima cosa prendiamo in considerazione i contributi previdenziali, che vengono calcolati in percentuale fissa che normalmente è pari al 9,19% della tua retribuzione lorda. Questa è la parte contributi a carico del lavoratore che si va ad aggiungere alla parte versata dal datore di lavoro, ma che non rientra nel calcolo del netto mensile.

Togliendo questo importo alla retribuzione lorda mensile, avremmo la retribuzione lorda ai fini IRPEF (o imponibile fiscale) su cui verranno calcolate le tasse e aggiunti eventuali bonus per determinare la nostra retribuzione netta mensile.

Es.

RETRIBUZIONE LORDA = 1.000 €

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI = 9,19% della RETRIBUZIONE LORDA (91,90 €)

LORDO IRPEF = RETRIBUZIONE LORDA - CONTRIBUTI PREVIDENZIALI =

1.000-91,90 = 908,10


IMPOSTA LORDA


L’imposta lorda non è altro che l’importo lordo delle tasse da dover pagare che può diminuire grazie all’applicazione delle detrazioni fiscali, un vero e proprio sconto in base alla tipologia di lavoro (es. lavoro dipendente) e ai carichi familiari. Esistono anche altri tipi di detrazione, ma qui analizzeremo solo le più comuni.

Ricordo che l’imposta lorda è determinata applicando al LORDO IRPEF (o imponibile fiscale)le aliquote annue, rapportate al mese, determinate per scaglioni di reddito che nel 2021 sono:

• fino a 15.000 euro: 23%;

• da 15.000 euro a 28.000 euro: 27%;

• da 28.000 euro a 55.000 euro: 38%;

• da 55.000 euro a 75.000 euro: 41%;

• oltre 75.000 euro: 43%.


Riproporzionando mensilemente:

• Fino 1.250 euro: 23%;

• da 1.250 euro a 2.333 euro: 27%;

• da 2.333 euro a 4.583 euro: 38%;

• da 4.583 euro a 6.250 euro: 41%;

• Oltre 6.250 euro: 43%.


L’imposta lorda non è altro che l’importo lordo delle tasse da dover pagare

Tornando al nostro esempio:

IMPOSTA LORDA= LORDO IRPEF x ALIQUOTE A SCAGLIONI=

908,10 x 23% = 208,86

PS ovviamente, se il reddito fosse più alto, ci sarebbero da applicare, all’importo che eccede i 1.250 euro, le altre aliquote in modo progressivo

IMPOSTA NETTA

Per il calcolo dell’IMPOSTA NETTA dovremmo calcolare e applicare le detrazioni che vengono calcolate su base giornaliera. Nel nostro esempio prenderemo un lavoratore che abbia lavorato a gennaio tutto il mese e quindi avrà diritto a 31 giorni di detrazione, infatti anche i sabati e le domeniche, le ferie e permessi (solo per fare alcuni esempi) sono ricompresi nei giorni di detrazione.

Anche in questo caso abbiamo degli appositi scaglioni per fasce di reddito:

• Fino a 8.000 euro : 1.880,00 euro;

• da 8.000 euro a 28.000 euro: 978,00 + [902,00 x (28.000,00 – LORDO IRPEF ANNUALE) : 20.000]

• da 28.000,01 euro a 55.000 euro: 978,00 x [(55.000,00 - LORDO IRPEF ANNUALE) : 27.000]

• Oltre 55.000 euro: 0,00


CALCOLO DETRAZIONE SPETTANTE


LORDO IRPEF ANNUALE = LORDO IRPEF mensile x nr. Mesi (es.12) = 908,10 x 12 = 10.897,20 ==> SECONDO SCAGLIONE DI REDDITO.


• da 8.000 euro a 28.000 euro: 978,00 + [902,00 x (28.000,00 – LORDO IRPEF ANNUALE) : 20.000]

DETRAZIONE ANNUALE = 978,00 + [902,00 x (28.000,00 – 10.897,20) : 20.000 = 1.749,34


Questi importi devono essere riproporzionati per giorni in questo modo:


DETRAZIONE ANNUALE : 365 = 1.749,34 : 365 = 4,79

Moltiplico per i giorni di spettanza mensile (es. Gennaio 31):


DETRAZIONE LAVORO DIPENDENTE = 148,57


Inoltre se il dipendente avesse anche un familiare a carico la detrazione si sommerebbe.

Es. DETRAZIONE UNICA FIGLIA A CARICO:

Figlia minore di 3 anni: 1.420 x [(140.000 – LORDO IRPEF ANNUALE) / 140.000];

Figlia maggiore di 3 anni: 1.150*[(140.000 – LORDO IRPEF ANNUALE) / 140.000].


In questo caso viene rapportata al mese quindi un dodicesimo del totale:


DETRAZIONE UNICA FIGLIA A CARICO (MAGGIORE DI 3 ANNI) = 841,00

Per Gennaio l’importo sarà di un dodicesimo = 841,00 : 12 = 70,08


Che si andrà a sommare alle DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE per un totale di 218,65 (148,57+70,08) ed avremmo quindi che la detrazione viene superata dall’imposta lorda e quindi non ci sono tasse da pagare ed in questo caso il LORDO IRPEF è uguale al NETTO e cioè 908,10 €.


Questo è un caso molto semplice, ma facciamo l’esempio di un lavoratore che non abbia una detrazione per figlia a carico e da pagare anche un’addizionale regionale e comunale. Utilizziamo quindi lo stesso LORDO IRPEF e la stessa IRPEF LORDA con le sue detrazioni da lavoro dipendente.

Ora la sua IMPOSTA NETTA sarà di:


IMPOSTA LORDA – DETRAZIONI = 208,86 - 148,57 = 60,09

Pertanto a questo calcolo dovremmo aggiungere l’ex bonus Renzi e togliere le addizionali regionali e comunali.


EX BONUS RENZI


Da luglio 2020 il credito fiscale è aumentato ed è aumentata la platea di beneficiari che hanno un reddito annuale da 8.174,00 euro a 40.000,00 euro annui.

Qui tutti gli scaglioni di reddito ed il relativo beneficio:

• da 8.174,00 euro a 28.000,00 euro: 1.200,00 euro

• da 28.000,00 euro a 35.000,00 euro: 960+[120 x (35.000-LORDO IRPEF ANNUALE)/7.000]

• da 35.000,00 a 40.000,00 euro: 960x[(40.000-LORDO IRPEF ANNUALE)/5.000)]

• Oltre 40.000,00 euro: 0,00

Riprendendo il nostro caso dobbiamo riproporzionare a giorni di effettiva spettanza (gennaio 31 giorni).

CREDITO SPETTANTE: 1.200,00 €

Calcolo per gennaio: (1.200/365) x 31 = 101,92 €

A questo toglieremo le addizionali regionali e comunali e troveremo il nostro netto.


ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI


Sull’imponibile ai fini Irpef dello scorso anno, viene calcolata un’addizionale regionale pari allo 0,9% su tutto il territorio nazionale, che può essere aumentata, da ogni singola Regione, fino ad un massimo di 1,4%.

Invece l’addizionale comunale è

La trattenuta non è uguale tutti i mesi, ma divisa in questo modo:

da Marzo a Novembre: acconto del 30% dell’addizionale comunale dell’anno in corso;

da Gennaio a Novembre: del saldo del 70% dell’addizionale comunale e l’intero importo dell’addizionale regionale relativa all’anno precedente.

Es.

Addizionale comunale: 100,00

Addizionale regionale: 125,00

Acconto comunale: Da Marzo a Novembre: (100*30%)/9 = 3,33 €

Saldo comunale: Da Gennaio a Novembre: 70/11 = 6,36 €

Totale regionale: Da Gennaio a Novembre: 125/11 = 11,36 €


Utilizzando gli stessi dati e tenendo conto che a gennaio non abbiamo l’acconto dell’addizionale comunale il nostro netto sarà:


RETRIBUZIONE LORDA – CONTRIBUTI PREVIDENZIALI (INPS) – IMPOSTE NETTE (IRPEF) + CREDITO DI IMPOSTA - ADDIZIONALI = RETRIBUZIONE NETTA

1.000,00 - 91,90 - 60,09 + 101,92 - 6,36 - 11,36 = 932,21 €


Quindi dopo tutti i nostri calcoli siamo sicuri che il nostro netto per il mese di gennaio sarà di 932,21 Euro.


Se anche tu hai bisogno di calcolare l’importo sulla busta paga o hai bisogno di un’informazione sulla busta paga contattaci via mail: info@job-answer.it oppure scrivici tramite il form che trovi in home page o cliccando su “contatti”


Comentarios


bottom of page